Come Rendere il Tuo Telefono Impossibile da Rintracciare (Funziona per Qualsiasi Dispositivo)

Quante volte scorri tra app e siti web? Quante volte scorri senza pensare sui social media? Probabilmente più volte di quante tu possa contare. Non puoi farne a meno. Ogni altra app che usi è progettata per tenerti incollato allo schermo.

Il problema è che le grandi corporazioni sfruttano la tua dipendenza da internet. Tracciano la tua attività e la tua posizione, e raccolgono informazioni personali per venderle alle agenzie pubblicitarie.

Queste aziende hanno database pieni dei tuoi dati. Cosa succede se questi database vengono hackerati? Quanto facilmente potrebbero i criminali informatici accedere ai tuoi dettagli più privati? Utilizzare un VPN premium è fondamentale per salvaguardare la tua privacy e garantire la tua sicurezza. CyberGhost VPN ti aiuta a proteggerti dal raccolto invasivo di dati e dal tracciamento.

Non è sempre facile in questo mondo digitale, ma ho preparato 7 semplici consigli per te per evitare di essere tracciato online. Prima di tutto, chi ti sta tracciando?

Nota: Le VPN non possono fornire completa e totale anonimato. Ecco perché è importante fare un ulteriore passo per proteggerti su telefoni, computer e altri dispositivi connessi a internet.

Da chi ci nascondiamo?

Prima di poterci concentrare su come prevenire il tracciamento online, è importante sapere chi potrebbe tracciarti. Troverai 3 gruppi di persone interessate alle tue informazioni private.

1. Hacker

La criminalità informatica ha raggiunto proporzioni di pandemia globale. È naturale voler tenere lontane le parti maligne.

I criminali informatici guadagnano molto dai tuoi dati. Le tue informazioni private li aiutano a:

    • 🚨 Infettare il tuo dispositivo con malware.
    • 🚨 Rubare e utilizzare i tuoi dettagli finanziari e conti bancari.
    • 🚨 Creare e vendere passaporti falsi.
    • 🚨 Fingere di essere te.
    • 🚨 Manipolarti tramite adware.

Per citarne solo alcuni, poiché le minacce informatiche sono in continua evoluzione e mutazione. I criminali informatici approfittano di ogni opportunità per spiarti e rubare le tue informazioni.

Ecco perché dovresti sempre stare attento ai segnali per capire se il tuo telefono o il tuo PC sono stati hackerati.

2. Gli inserzionisti

Una volta le aziende dovevano condurre sondaggi, questionari e test prima di capire a chi proporre i loro prodotti. Oggi, i tuoi dati online forniscono informazioni su un piatto d’argento. I tuoi gusti, hobby, necessità, desideri e abitudini di spesa sono tutti lì, registrati dai cookie e conservati su server remoti.

Ecco perché le aziende vogliono i tuoi dati.

La pubblicità online si basa fortemente sul tracciamento per personalizzare offerte e posizionamenti di prodotti. Scoprire ciò che ti interessa è fondamentale per farti spendere, quindi gli inserzionisti utilizzano un’ampia gamma di tattiche invasive di raccolta dati.

Questo rende il tracciamento incredibilmente inquietante, però. Hai mai parlato della necessità di un nuovo divano con qualcuno e poi hai visto il tuo feed di Facebook o Instagram bombardarti con annunci di divani? Non sei il solo.

Qualsiasi cosa iperspecifica è un segno di tracciamento. Ciò può includere un’attività commerciale locale, hobby e gusti insoliti che potresti avere, o un servizio particolare di cui hai bisogno.

3. Agenzie Governative

La spionaggio governativo è una paura comune, specialmente in alcuni paesi dove l’eccesso di potere del governo minaccia le libertà dei cittadini. I progressi digitali hanno reso più facile tenere traccia delle persone, della loro posizione e dei contenuti a cui accedono. È anche più facile che mai memorizzare e organizzare i dati degli utenti su server con capacità di calcolo su larga scala.

Le agenzie governative affermano che i dati della popolazione sono vitali per la sicurezza nazionale. Il problema è che non chiariscono quali informazioni raccolgono e come.

Anche se un servizio online potrebbe avere una politica sulla privacy, le agenzie governative non sono realmente trasparenti. Aziende tecnologiche come Google o Facebook cedono regolarmente dati alle autorità. Detto ciò, le agenzie di sicurezza statali non rivelano mai come utilizzano questi dati o se hanno condannato qualcuno con essi.

La legislazione è indietro rispetto ai progressi tecnologici. La maggior parte dei paesi ha leggi che proteggono la tua comunicazione privata tramite lettere e cartoline, ma non le email o i messaggi di testo. Pochissime leggi ti proteggono dall’eccesso di potere del governo, concentrandosi più sugli aspetti economici e sociali, non su quelli digitali.

I governi possono abusare degli strumenti di sorveglianza online e abilitare la raccolta di dati su larga scala. È uno dei motivi per cui i dispositivi hanno backdoor che permettono un facile accesso a terze parti.

Come rendere quasi impossibile tracciare il tuo telefono

Puoi limitare i dati che condividi tramite le app e i servizi che utilizzi.

Su iPhone

  1. Vai su Impostazioni
  2. Seleziona Privacy e sicurezza
  3. Seleziona Tracciamento
  4. Disattiva Richiesta tracciamento attività

Su Android

  1. Vai su Impostazioni
  2. Seleziona Geolocalizzazione
  3. Scegli Permessi di Localizzazione delle App
  4. Seleziona ogni app individualmente e cambia i permessi in base a ciò che ti senti a tuo agio a condividere

Per Android, i passaggi esatti potrebbero dipendere dal tuo produttore e dalla versione del sistema operativo.

Tieni presente che disattivare troppi permessi potrebbe rendere inaccessibili alcune app. Ad esempio, non sarai in grado di utilizzare app di ride-sharing finché la tua localizzazione è disabilitata.

Backdoor e SIM Card: Punti di accesso al tuo dispositivo

Backdoor

Il tuo smartphone è la principale via di accesso agli sforzi di tracciamento governativi. È un dispositivo che porti sempre con te, dotato di connessione internet attiva, microfono e capacità GPS.

Per alcune agenzie governative, il tracciamento non è mai sufficiente. Ecco perché alcune di esse impongono backdoor.

Pensa a una backdoor come un bypass di sicurezza che elude le normali misure di autenticazione del tuo dispositivo. Una backdoor permette l’accesso remoto al tuo dispositivo, a volte senza la tua conoscenza o consenso. Consente anche ad altri di eseguire un’ampia gamma di attività, come:

    • 🚩 Catturare screenshot.
    • 🚩 Inviare e ricevere file.
    • 🚩 Modificare le impostazioni di sistema.
    • 🚩 Caricare file su server remoti.
    • 🚩 Installare malware.
    • 🚩 Lanciare attacchi informatici (come gli attacchi DDoS).
    • 🚩 Attivare apparecchiature periferiche (come fotocamere e microfoni).

L’esistenza stessa di un tale programma sul tuo dispositivo può esporti ai criminali informatici, quindi perché il governo ne imporrebbe uno? Nel nome della sicurezza nazionale, naturalmente.

Prendi ad esempio gli atti LAED ed EARN IT negli Stati Uniti. L’atto LAED mira a costringere le aziende tecnologiche ad assistere il governo nel decifrare i dati degli utenti su ordine del tribunale. A causa della logistica dietro a ciò, le aziende dovrebbero ricorrere a backdoor per conformarsi, il che mina la sicurezza online.

L’atto EARN IT propone procedure ancora più invasive. I sostenitori del disegno di legge mirano a prevenire la distribuzione di materiale di abuso sessuale su minori sulle piattaforme. Per conformarsi, i siti web dovrebbero scandagliare e monitorare tutti i post, i messaggi privati, gli allegati e le immagini per eliminare qualsiasi materiale illegale.

Ciò equivale a sorveglianza, ed è un disastro per la tua privacy. Non hai un modo semplice per evitare backdoor o filtri di contenuto. Vota per cambiamenti favorevoli alla privacy e contatta i tuoi rappresentanti. Sollecitali a votare contro un apparato di sorveglianza.

Probabilmente è questo il punto in cui tutto sembra troppo ingiusto, e saremmo tutti meglio senza i dispositivi sofisticati e i loro strumenti di sorveglianza. Beh, non proprio.

Tracciamento della SIM Card

Anche un telefono base (cioè non uno smartphone) può tracciarti tramite la SIM card. Le SIM card si collegano alle torri di segnale vicine per permetterti di ricevere chiamate e inviare SMS, ma quel segnale può essere usato per scoprire la tua posizione. I cybercriminali possono anche hackerare la tua SIM card senza mai accedere fisicamente al tuo telefono. Sembra tutto allarmante, ma cosa puoi fare?

Adotta alcune misure per proteggere la tua SIM card da accessi indesiderati. Assicurati solo di conoscere il tuo numero PIN e PUK fornito dal tuo operatore. Altrimenti, rimarrai bloccato.

Come Bloccare la Tua SIM Card

Per Telefoni Android

  1. Vai su Impostazioni
  2. Seleziona Schermo di blocco e sicurezza
  3. Scegli Altre impostazioni di sicurezza
  4. Vai su Configura blocco SIM card
  5. Attiva l’interruttore per Blocca SIM card

Per iPhone

  1. Vai su Impostazioni
  2. Seleziona Cellulare
  3. Seleziona PIN SIM
  4. Inserisci il tuo PIN per confermare

Per iPad

  1. Vai su Impostazioni
  2. Seleziona Dati Cellulare
  3. Seleziona PIN SIM
  4. Inserisci il tuo PIN per confermare

Questo è tutto per le SIM card. Ora passiamo al mondo online del tracciamento e ti diamo 7 semplici consigli per proteggerti.

7 Semplici consigli per proteggere i tuoi dati una volta per tutte

Nella battaglia per la privacy su Internet, devi combattere su tre fronti. Devi tenere le tue informazioni private lontane dai criminali informatici, dagli inserzionisti e dalle autorità governative.

Il gioco potrebbe essere a tuo sfavore, ma puoi comunque difenderti. Ecco 7 semplici consigli per aiutarti a prevenire il tracciamento.

1. Cripta i tuoi dati con CyberGhost VPN

La tua prima linea di difesa contro le pratiche invasive sulla privacy dovrebbe essere una VPN.

Usa CyberGhost VPN per deviare il tuo traffico attraverso un tunnel sicuro e remoto e crittografare i tuoi dati. Ciò contribuisce a creare un’esperienza di navigazione web più privata e impedisce agli occhi indiscreti di tracciare e dirottare le tue attività online. Attori malevoli, agenzie governative e il tuo ISP non possono monitorare ciò che fai online.

Puoi usare CyberGhost VPN per proteggere fino a 7 dispositivi simultaneamente. Ciò ti aiuterà a sventare i tentativi di tracciamento sul tuo telefono, PC, console di gioco e anche sulla Smart TV.

Dispositivi che supportano CyberGhost VPN

Puoi installare CyberGhost VPN sul tuo router per coprire tutte le tue connessioni.

Abbiamo una vasta rete di migliaia di server VPN in 91 paesi, e puoi scegliere quello che preferisci. I tracker non ti seguiranno facilmente attraverso i nostri server remoti, poiché non conserviamo alcun dato.

Rispettiamo una rigorosa politica No Logs, il che significa che i nostri server sono progettati per cancellare i dati ad ogni riavvio. Non sappiamo nulla di te o di ciò che fai online. Non è affar nostro.

Facciamo anche affidamento sulla crittografia AES 256-bit altamente sicura per proteggere il tuo traffico. Questo standard di crittografia offusca i tuoi dati e li rende illeggibili a terze parti, come i cybercriminali. L’AES è utilizzato dai governi di tutto il mondo per proteggere informazioni classificate, poiché è impossibile da decifrare. A causa della sua grande dimensione della chiave, avresti bisogno di supercomputer che lavorano senza sosta per anni per decifrare le tue informazioni.

Abbiamo persino effettuato un audit indipendente. Professionisti di Deloitte hanno ispezionato i nostri server e i sistemi di gestione, e hanno concluso che sono in linea con la nostra politica sulla privacy.

La parte migliore? CyberGhost VPN viene fornito con una garanzia di rimborso di 45 giorni. Puoi provarlo completamente senza rischi.

2. Leggere la Politica sulla Privacy

Scorri, scorri, scorri, e clicca su Accetto.

È così che la maggior parte delle persone gestisce le politiche sulla privacy. Sono lunghe, confuse e piene di terminologia legale che rende il testo difficile da leggere. Ecco perché tendiamo a ignorarle.

Infatti, un sondaggio Deloitte del 2017 ha scoperto che il 91% delle persone acconsente a termini e condizioni senza mai averli letti. Tra i giovani di età compresa tra 18 e 34 anni, questa percentuale sale al 97%. Un studio del Pew Research del 2019 ha trovato risultati simili, con solo il 9% degli americani che afferma di leggere sempre una politica sulla privacy prima di cliccare Accetto.

Dobbiamo ricordare che una politica sulla privacy è un accordo legalmente vincolante. Non firmeresti un contratto di locazione senza prima averlo letto, quindi perché dovrebbe essere diverso in questo caso? Le politiche sulla privacy specificano quali dati raccolgono i servizi che stai utilizzando e a quale scopo. Ti dicono anche se condividono i tuoi dati con terze parti, come gli inserzionisti.

Cosa cercare prima di Accettare

Ogni volta che clicchi su Accetto, stai dando il tuo consenso a queste aziende per utilizzare i tuoi dati come specificato nella politica sulla privacy. Le aziende serie non raccolgono i tuoi dati a meno che tu non acconsenta. Questo è qualcosa che la maggior parte delle persone non si rende conto quando si affrettano ad accettare i termini di servizio.

Abbiamo parlato con Lesley Carhart, Principal Threat Analyst presso Dragos Inc., sui punti chiave da cercare quando si esaminano le politiche sulla privacy:

“È importante prendersi del tempo per leggere attentamente le politiche sulla privacy –specialmente per i servizi gratuiti o economici su internet, come i videogiochi o il software.

Presta particolare attenzione a come i tuoi dati possono essere condivisi, quali dati vengono condivisi con il servizio, e come viene tracciato il tuo utilizzo quando stai usando e non stai usando il servizio. Quanto tempo vengono conservati i tuoi dati? Cosa succede ai tuoi dati se l’azienda fallisce o viene venduta? Un’azienda di buona reputazione dovrebbe rispondere chiaramente a queste domande.”

Una volta che hai una chiara comprensione di come e perché un’azienda raccoglie dati, puoi decidere meglio se i vantaggi del loro servizio superano i lati negativi. Sii ragionevole nelle tue aspettative, però. Non troverai un singolo servizio che non acceda a nessuno dei tuoi dati. Tutti i servizi necessitano di una certa quantità di dati per funzionare, dall’indirizzo email ai servizi del tuo sistema operativo. Assicurati solo di essere a tuo agio con il cosa e il per quanto tempo.

Se leggi una politica sulla privacy e trovi qualcosa di allarmante, ti trovi di fronte a una decisione difficile. È un servizio che vuoi davvero usare?

I cookie sono piccoli blocchi di dati che permettono ai siti web di memorizzare e recuperare informazioni localmente sul tuo dispositivo. I cookie riguardano solitamente le tue sessioni di navigazione e sono responsabili della personalizzazione della tua esperienza e della memorizzazione delle tue preferenze. Molti siti web ti assegnano un ID visitatore unico sotto un file cookie. Quel file contiene informazioni come:

    • ➡ Numero ID.
    • ➡ Posizione.
    • Indirizzo IP.
    • ➡ Lingua del browser o del dispositivo.
    • ➡ Tempo trascorso sul sito.
    • ➡ Metadati, inclusa la risoluzione dello schermo, il sistema operativo, ecc.

Questi lasciano una traccia tangibile della tuo attività su Internet. Possono essere chiamati cookie, ma sono più simili a briciole.

Questi cookie rimangono sul tuo sistema, mantenendo un registro di tutto ciò che hai fatto. Ecco perché a volte, quando visiti un sito già visitato in precedenza, le tue credenziali di accesso sono salvate anche se non hai mai selezionato quella piccola casella Ricordami.

Se sei su un PC, puoi usare CyberGhost Cookie Cleaner per cancellare la tua cronologia di navigazione e la cache con pochi clic. I browser sui dispositivi mobili non sono compatibili con le estensioni, quindi dovrai cancellare i tuoi cookie manualmente. I passaggi esatti dipendono dal browser che utilizzi, ma generalmente dovresti cercare sotto Impostazioni e Cronologia un’opzione per Cancellare i Cookie o Svuotare la Cache.

ChromeSafariFirefoxOpera
1. Tocca ⋮ nell’angolo destro1. Vai su Impostazioni1. Tocca l’icona del menu1. Tocca l’icona del menu
2. Tocca Cronologia2. Seleziona Safari2. Tocca Altro2. Tocca Impostazioni
3. Seleziona Cancella dati di navigazione3. Tocca Cancella cronologia e dati dei siti web3. Tocca Impostazioni3. Scorri fino a Privacy
4. Seleziona un intervallo di tempo 4. Vai su Privacy & Sicurezza4. Tocca Cancella dati di navigazione
5. Seleziona le caselle accanto a Cookie e dati dei siti e Immagini e file memorizzati nella cache 5. Seleziona Cancella dati privati5. Tocca la casella accanto a Cancella cookie e dati
6. Tocca Cancella dati 6. Seleziona Cache e Cookie & accessi attivi6. Tocca Cancella Dati
7. Tocca Cancella dati 7. Tocca Cancella dati 

4. Utilizzare un browser privato

Un browser privato potrebbe sembrare un nome prolisso per la modalità incognito, ma è in realtà una cosa completamente diversa. La modalità incognito ha una buona reputazione, ma è tutto inutile. La modalità incognito non nasconde né ti rende anonimo online. Impedisce solo al tuo browser di memorizzare informazioni sulla navigazione sul tuo dispositivo. Non impedisce ai cybercriminali, agli inserzionisti o alle agenzie governative di tenere traccia di te.

Ecco perché hai bisogno di un browser privato. Per progettazione, i browser privati impediscono il tracciamento e la registrazione. Tuttavia, non tutti i browser offrono buona sicurezza e funzionalità user-friendly. Se questa è la tua prima volta che cambi browser, ecco alcuni punti a cui prestare attenzione.

CyberGhost Private Browser su Windows, Mac e iOS

Aspettati funzionalità come:

    • 🎯 Blocco annunci integrato.
    • 🎯 Blocco tracciatori integrato.
    • 🎯 Protezione dall’impronta digitale del browser.
    • 🎯 Codice open-source.
    • 🎯 Rimozione automatica dei cookie e della cache.
    • 🎯 Sicurezza dei segnalibri biometrici.

Se stai passando al popolare Chrome, tieni presente che il tuo browser privato basato su Chromium dovrebbe essere compatibile con le estensioni Chrome. Questo renderà la tua transizione più fluida.

5. Usa motori di ricerca rispettosi della privacy

Google è di gran lunga il motore di ricerca più popolare e utilizzato, ma è una macchina che sottrae dati. Google raccoglie tutto su di te, inclusa la tua cronologia di ricerca, i tuoi clic, il tempo trascorso online, la tua cronologia delle transazioni e molto altro.

Anche Bing e Baidu, i secondi e terzi motori di ricerca più grandi al mondo, hanno i propri algoritmi per memorizzare le tue informazioni e creare profili di ricerca personalizzati in base alla tua cronologia.

Per proteggerti dal tracciamento dei motori di ricerca, devi usare un motore di ricerca rispettoso della privacy. Questi non tracciano, non memorizzano né vendono le tue informazioni, ma senza un algoritmo di analisi dei dati i risultati potrebbero non essere accurati come desideri.

6. Attenzione a ciò che condividi sui Social Media

Cosa hai in mente? Cosa sta succedendo?

Di loro natura, le piattaforme di social media ti incoraggiano a condividere i tuoi pensieri. Quando pubblichi che sei felice con il tuo nuovo attrezzo da giardinaggio o ricetta, l’algoritmo impara qualcosa su di te.

Parole chiave, registrazioni, hashtag… sono tutti utilizzati per profilarti e tracciarti a scopo pubblicitario.

Tutte le piattaforme di social media hanno tracker integrati, e sono impossibili da evitare. L’unica soluzione sarebbe non usare mai i social media. Sembra facile, ma è impraticabile, se non impossibile, ai giorni nostri. Puoi comunque cercare di ridurre al minimo la raccolta dei dati.

Puoi minimizzare il tracciamento sui social media in due modi. Prima di tutto, evita di condividere troppo per quanto possibile. Non inserire il tuo numero di telefono a meno che non sia necessario. Non condividere immagini che aiutino a profilare te o i tuoi cari.

Se stai usando un PC o un laptop, è abbastanza semplice organizzare le tue piattaforme di social media. Ad esempio, puoi usare un browser diverso per i tuoi social e un altro per la tua navigazione online quotidiana. Questo non impedirà il tracciamento al 100%, ma renderà più difficile per siti come Facebook e Instagram controllare le tue attività al di fuori delle loro piattaforme.

Le app sono molto più problematiche. Le app possono tracciare molte informazioni su di te, a volte anche al di fuori del loro scopo previsto. Ecco perché Facebook può inviarti suggerimenti di amicizia basati sul tuo luogo di lavoro o sulla scuola che frequenti. Utilizza la tua posizione per scoprire con chi è probabile che tu venga in contatto.

Questo è il compromesso sulla privacy delle app di social media. Non hanno un interruttore di spegnimento, ma almeno puoi disabilitare il tracciamento basato sulla posizione.

FacebookInstagramTwitterTikTokSnapchat
1. Apri l’app Facebook1. Vai alle impostazioni del tuo telefono1. Vai alle impostazioni del tuo telefono1. Vai alle impostazioni del tuo telefono1. Apri l’app Snapchat
2. Seleziona Impostazioni & Privacy2. Vai a Privacy2. Vai a Privacy2. Vai a Privacy2. Tocca l’icona dell’ingranaggio delle impostazioni
3. Seleziona Impostazioni3. Seleziona Servizi di Localizzazione3. Seleziona Servizi di Localizzazione3. Seleziona Servizi di Localizzazione3. Vai a La Mia Posizione
4. Scorri verso il basso fino a Privacy4. Scegli Instagram4. Scegli Twitter4. Scegli TikTok4. Attiva la Modalità Fantasma
5. Seleziona Localizzazione5. Seleziona Mai o Durante l’uso dell’app5. Seleziona Mai o Durante l’uso dell’app5. Seleziona Mai o Durante l’uso dell’app5. Scegli Fino a disattivazione quando compare il pop-up
6. Vai a Impostazioni di Localizzazione    
7. Disattiva il tracciamento della posizione    

7. Attenzione al Wi-Fi pubblico

Dipendiamo molto dal Wi-Fi pubblico. A scuola, al lavoro, o al centro commerciale, il tuo telefono si collega automaticamente a una rete Wi-Fi gratuita. Non sono protette da password, quindi la connessione è immediata.

Internet gratuito è piacevole, ma è la parte non protetta da password che dovrebbe preoccuparti. Dato che mancano delle impostazioni di sicurezza base, le reti Wi-Fi pubbliche non sono sicure. I criminali informatici le utilizzano per installare segretamente malware sul tuo dispositivo, quindi puoi immaginare quanto sia facile installare tracker.

La Cina ha fatto notizia quando le autorità hanno installato tracker sui telefoni dei turisti prima che entrassero nella regione dello Xinjiang. Anche i criminali informatici possono installare tracker in questo modo, eccetto che non puoi sapere chi ti prende di mira sul Wi-Fi pubblico.

Il consiglio più logico sarebbe evitare completamente le reti pubbliche, ma sappiamo che non è fattibile ai giorni nostri. Ciò che puoi fare, però, è criptare i tuoi dati per proteggerti.

Usa CyberGhost VPN per indirizzare il tuo traffico attraverso un tunnel criptato. Sarai protetto su 3 fronti:

    • ✅ Le nostre app VPN criptano il tuo traffico. Questo impedisce agli hacker di spiare il tuo traffico e la tua cronologia di navigazione.
    • ✅ Le nostre app forzano il tuo traffico attraverso HTTPS. I siti HTTP sono notoriamente insicuri, rendendoli un bersaglio perfetto per i tracker.
    • ✅ CyberGhost VPN utilizza una criptazione VPN altamente sicura. Questo impedisce ai criminali di forzare l’ingresso nel tuo dispositivo e installare tracker.

Utilizzare CyberGhost VPN non ha alcun impatto sul modo in cui usi una rete Wi-Fi pubblica. Non devi fare configurazioni extra per navigare in sicurezza.

La raccolta di dati dietro le quinte

I produttori di smartphone sono impegnati nella raccolta di dati dietro le quinte. Una VPN da sola non può impedire ai produttori di hardware o ai fornitori di invadere la tua privacy.

I produttori installano backdoor per aggirare le misure di sicurezza e accedere alla loro tecnologia dopo il rilascio del prodotto. Questo può aiutare i clienti nel caso in cui rimangano bloccati fuori dal proprio dispositivo e aiutare le forze dell’ordine a raccogliere prove in caso di indagini.

Ciò significa anche che il fornitore hardware, il produttore del dispositivo e il fornitore del software hanno tutti un accesso di alto livello al tuo dispositivo. Ciò consente loro di raccogliere i tuoi dati.

Le backdoor nella catena di fornitura sono una spada a doppio taglio. Hai 2 opzioni per aggirarle:

1. Sistemi Operativi amici della privacy

Se usi Android, puoi installare un OS amico della privacy come Fedora per limitare la raccolta di dati. Scegli un OS open-source se possibile. Il codice open-source significa che puoi ispezionare da solo il codice dell’app o del software. Il processo di installazione può essere un po’ complicato, e potrebbe invalidare la tua garanzia. Dovresti anche fare un backup adeguato dei tuoi dati per evitare di perdere i tuoi file.

2. Prodotti amici della privacy

Puoi optare per prodotti amici della privacy di produttori come Fairphone, Purism o Pinephone. Queste aziende hardware mirano a proteggere i dati degli utenti, il che significa che non incorporano backdoor o altri rischi per la sicurezza.
Entrambi, componenti hardware e OS, sono progettati per prevenire la ritenzione dei dati e contrastare i tentativi di tracciamento. Detto ciò, a causa della natura della distribuzione, includono comunque numeri di serie unici. Non sono inoltre completamente efficaci contro il tracciamento basato sulla localizzazione.

Tracciamento basato sulla localizzazione: cosa puoi fare?

Il tracciamento basato sulla localizzazione è davvero difficile da superare. Se sei su mobile, è quasi impossibile eludere questi tracker. Il tuo smartphone è progettato per triangolare la tua posizione. Tramite satellite, ID di rete o indirizzo IP, il tuo telefono sta sempre cercando qualcosa per localizzare dove ti trovi.

Il tracciamento basato sulla localizzazione fornisce informazioni per ottimizzare tutti i servizi digitali che utilizzi. Puoi navigare più facilmente, trovare recensioni istantaneamente e anche far trovarti dalle autorità in caso di emergenza.

Detto ciò, il tracciamento basato sulla localizzazione comporta preoccupazioni per la privacy, specialmente in paesi dove non esistono leggi che impediscono l’eccesso di governo. La maggior parte dei dispositivi che portiamo non ha l’opzione di disattivare il tracciamento basato sulla localizzazione. Puoi solo interrompere l’accesso di un’app ai servizi di localizzazione.
L’unico modo per nascondere effettivamente la tua posizione è attraverso una combinazione di spoofing IP, SIM e GPS. I servizi di spoofing GPS sono servizi di terze parti che alterano i dati per far apparire il tuo dispositivo in una diversa localizzazione. Sono illegali in alcuni paesi.

Lo spoofing della SIM è generalmente eseguito solo dai criminali informatici negli attacchi. Gli strumenti necessari per lo spoofing della SIM non sono facilmente disponibili e sono per lo più illegali.

Poiché i criminali informatici usano comunemente lo spoofing GPS per nascondere le loro tracce, questa pratica può farti bandire da diversi servizi digitali. I giochi online e le app di videoconferenza hanno sistemi antifrode per impedirti di usare gli spoofers GPS.

Usare lo spoofing della tua posizione può anche rendere inutilizzabili la maggior parte delle tue app. Molte app richiedono l’accesso alle impostazioni GPS per funzionare correttamente. I servizi di spoofing GPS ti faranno perdere l’accesso a:

    • Mappe (Google Maps, Waze).
    • App meteo (The Weather Channel, ilMeteo.it).
    • App per servizi di emergenza (Where Are U).
    • App di ridesharing (Lyft, Uber).
    • App di consegna cibo (Deliveroo, JustEat).
    • App di incontri (Tinder, Grindr).
    • Giochi (Pokemon Go).
    • App di social media (Instagram, Snapchat).
    • App di messaggistica istantanea (WhatsApp, SMS).
    • Shopping (Target, Curbside).
    • App di tracciamento (Trova il mio telefono, Trova i miei amici).

I benefici dello spoofing GPS superano gli svantaggi? Sarai tu a giudicare.

Lo spoofing IP è l’unica opzione sicura e legale, e puoi usare un servizio come CyberGhost VPN per cambiare il tuo indirizzo IP. La tua posizione reale sarà ancora visibile tramite GPS, ma fa meraviglie nel tenere lontani inserzionisti e criminali informatici. Lo spoofing IP come CyberGhost VPN ti permette anche di usare app basate sulla localizzazione senza che queste si blocchino.
CyberGhost VPN è facile da usare e disponibile su tutti i principali sistemi operativi, quindi puoi ottenere una VPN per macOS, iOS, iPad, Windows, Android e persino la tua Smart TV.

Regole d’oro per rendere il tracciamento quasi impossibile

Non esiste un metodo garantito al 100% per disabilitare permanentemente i tentativi di tracciamento sui tuoi dispositivi. Tuttavia, puoi adottare misure per mitigare i tentativi di tracciamento e proteggere i tuoi dati da pratiche invasive.
Ecco 7 consigli utili da tenere a mente.

  1. Attiva CyberGhost VPN prima di navigare online. Cripta i tuoi dati e proteggi la tua attività da governi, inserzionisti e criminali informatici.
  2. Leggi la politica sulla privacy prima di usare servizi online e app. Verifica come vengono raccolti i tuoi dati e per quale scopo. Assicurati che i benefici superino i rischi.
  3. Cancella la cronologia del browser e i cookie. Qualsiasi tua azione online può essere utilizzata per tracciarti. Eliminando i cookie impedisce ai servizi online di identificarti univocamente.
  4. Usa un browser privato. La modalità incognito non impedisce ai tracker di funzionare e non nasconde la tua attività. Scegli un browser privato con blocco integrato dei tracker.
  5. Usa motori di ricerca rispettosi della privacy
  6. Proteggi il tuo traffico su Wi-Fi pubblici. Le reti Wi-Fi pubbliche mancano delle impostazioni di sicurezza di base. Ciò significa che i criminali informatici possono intercettare il tuo traffico e installare tracker sul tuo dispositivo. Usa CyberGhost VPN per tenerli a bada.
  7. Stai attento a ciò che condividi sui social media. Hashtag e condivisioni aiutano a identificarti univocamente e a individuare i tuoi interessi. Fai attenzione a non condividere troppo.

FAQ

Il mio telefono mi sta tracciando?

I produttori non hanno mai creato smartphone con la privacy in mente. Di fatto, gli smartphone sono dispositivi di tracciamento che ti monitorano costantemente. Sia i telefoni iOS che Android hanno un ID pubblicitario, che ti identifica univocamente e monitora il tuo comportamento.
È impossibile essere completamente invisibili online anche con i servizi di localizzazione disattivati. Ma puoi comunque minimizzare il tracciamento. Usa servizi come CyberGhost VPN per criptare il tuo traffico internet e proteggere la tua identità digitale da hacker e tracker.

Il mio telefono può essere rintracciato con i servizi di localizzazione disattivati?

Il tuo telefono si affida a diversi fattori per la localizzazione. Il tuo indirizzo IP, le impostazioni GPS, la SIM e l’operatore telefonico contribuiscono tutti a fornire un quadro preciso di dove ti trovi. Se un servizio è in manutenzione o altrimenti non disponibile, gli altri prendono il sopravvento.
Anche con i servizi di localizzazione disattivati, non sarai mai completamente intracciabile, ma puoi ridurre al minimo il tracciamento. Usa servizi come CyberGhost VPN e Cookie Cleaner per proteggerti dai tracker.

È possibile falsificare la posizione GPS sul proprio telefono?

I telefoni Android e iOS non hanno impostazioni che consentono di falsificare la propria posizione reale. Senza le corrette informazioni GPS, molte app, inclusi servizi di ride sharing, incontri e consegna cibo, non funzioneranno correttamente. Ecco perché nessun produttore rende facile giocare con le impostazioni di localizzazione.
Alcuni servizi di terze parti funzionano come spoofers GPS, ma tieni presente che sono illegali in alcuni paesi. Inoltre, non nascondono il tuo indirizzo IP, quindi i servizi possono comunque individuare la tua posizione reale.

Esistono telefoni e dispositivi amici della privacy?

Non tutti i dispositivi sono uguali. Il tuo produttore e sistema operativo hanno capacità di tracciamento per monitorare il tuo comportamento. Librem e Fairphones sono solo due esempi di telefoni che riducono al minimo la raccolta di dati.
PureOS è una distribuzione Linux basata su Debian che offre diverse opzioni per proteggere la tua privacy, inclusa la crittografia del disco, il browser Tor, e reindirizzamenti automatici HTTPS.

Il mio telefono può essere rintracciato con i servizi di localizzazione disattivati?

Sì, il tuo telefono può ancora essere rintracciato anche con i servizi di localizzazione disattivati. I servizi di localizzazione sono un modo per le app di accedere ai tuoi dati GPS per localizzarti. È così che Google Maps o le app di consegna cibo sanno dove ti trovi. Disattivare i servizi di localizzazione significa semplicemente che le app non possono più accedere a questi dati, non che il segnale GPS sia offline.

Come posso smettere di essere rintracciato?

Non è possibile interrompere completamente il tracciamento, ma puoi prendere misure per ridurre i dati che generi e che i tracciatori raccolgono. Il tuo indirizzo IP, le coordinate GPS, i dati della SIM e i servizi di localizzazione sono tutti vie d’accesso ai tuoi dati e alla tua posizione. Dovresti usare una VPN mobile per criptare i tuoi dati internet, cancellare la cronologia di navigazione e i cookie, e evitare servizi che raccolgono dati che non ti senti a tuo agio a condividere. Puoi anche scegliere un telefono amico della privacy per bloccare alcuni tentativi di tracciamento di default. Ricorda che servizi come gli spoofers GPS sono illegali in alcuni paesi, quindi non è possibile prevenire completamente il tracciamento.

Leave a comment

Write a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked*